Nurse24.it

Pubblico Impiego

Via libera al Def, 85 euro in più per i dipendenti pubblici

di Redazione

Pubblico Impiego

    Successivo

Via libera al Documento di economia e finanza per il 2017. Il consiglio dei ministri ieri pomeriggio ha ufficializzato la risposta alle sollecitazioni di Bruxelles, per rimettere in linea i conti pubblici. Via libera anche al Piano nazionale delle riforme e alla cosiddetta “manovrina” da 3,4 miliardi.

Via libera al Def, cosa c’è per il pubblico impiego

palazzo chigi

Tra le novità, la leggera revisione al rialzo della crescita del Pil a +1,1%. Il premier Paolo Gentiloni ha sottolineato che l’Italia ha i conti in ordine, mantenendo il rapporto deficit/Pil al 2,1%, senza aumentare le tasse e accompagnando il risanamento con misure di sviluppo.

Per il pubblico impiego si prevede uno stanziamento di 2,8 miliardi con un aumento degli stipendi di 85 euro lordi al mese nei rinnovi 2016-2018. Il governo tende dunque la mano ai sindacati, in attuazione all’accordo di novembre con il ministro Madia. Il segretario nazionale della Uil Fpl, Michelangelo Librandi, infatti, aveva insistito per un’attuazione immediata, minacciando altrimenti un’estate piuttosto calda.

Il consiglio dei ministri quindi tende una mano ai sindacati. E almeno dal punto di vista contrattuale, i dipendenti pubblici, il cui contratto è fermo da nove anni, avranno almeno un aumento in busta paga.

Ritorna al sommario del dossier Pubblico Impiego

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)