Nurse24.it
scopri i master dell'Università Telematica Pegaso in convenzione con Nurse24

Pubblico Impiego

Nursing Up: Modifiche alla pre-intesa senza di noi? È diffida

di Redazione

Pubblico Impiego

    Successivo

Circolano indiscrezioni in base alle quali in Aran avrebbero provveduto a modificare la pre-intesa del Ccnl comparto Sanità 2016-2018 sottoscritta lo scorso 23 febbraio da Cgil, Cisl, Uil e Fsi, senza chiamarci al tavolo delle trattative: se così fosse, sarebbe un atto gravemente lesivo del diritto dei sindacati rappresentativi a partecipare alla contrattazione. É quanto denuncia in una nota Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up. Diffidiamo formalmente l'Aran e chiediamo una seduta integrativa - prosegue - con una sequenza negoziale per prendere visione delle modifiche ed esprimere il nostro punto di vista, quello degli infermieri italiani.

La rabbia degli esclusi

antonio de palma

Antonio De Palma, presidente Nursing Up

Nessun giudizio è stato espresso ad oggi dalla Corte dei Conti sull’ipotesi di contratto, che non risulta essere stato ancora sottoposto al vaglio dei magistrati contabili. Da tale situazione hanno preso corpo e si sono alimentate le voci informali secondo cui l'Aran e il comitato di settore si starebbero confrontando su un'eventuale modifica del pre-accordo dice il Nursing Up in una nota.

Indipendentemente dalla portata delle modifiche e/o integrazioni delle quali si parla, un preaccordo non può essere modificato senza sentire tutte le parti sindacali che, secondo la legge, hanno partecipato alla trattativa: questo sarebbe illegittimo e contro i diritti fondamentali e democratici tuona il presidente Antonio De Palma. Riaprire un contratto ingiusto e vessatorio che penalizza gli infermieri – continua De Palma – è doveroso, noi non l'abbiamo firmato e ci stiamo battendo da un mese e mezzo per far capire a tutti che bisogna cambiarlo. Tutto questo va fatto però nel rispetto delle regole democratiche di confronto indicate dalla legge. Ci sono organizzazioni sindacali che avrebbero potuto decidere di sottoscrivere o meno il contratto proprio in funzione delle modifiche delle quali si parla e che non conosciamo.

Nursing Up ha mobilitato la categoria proclamando uno sciopero di 48 ore il 12 e 13 aprile prossimi per protestare proprio contro il nuovo Ccnl.

Ritorna al sommario del dossier Pubblico Impiego

Commento (0)