Nurse24.it
scopri i master dell'Università Telematica Pegaso in convenzione con Nurse24

sindacati

Avanti con stabilizzazioni: Lazio, oltre mille i precari assunti

di Redazione

Pubblico Impiego

    Successivo

Sono più di mille i precari della sanità che sono stati assunti nel Lazio, ma l’obiettivo – fanno sapere i sindacati Cgil, Cisl e Uil - è ambizioso: la stabilizzazione di tutti i 3.500 professionisti, tecnici, amministrativi e ausiliari che lavorano nel sistema sanitario regionale entro il 2018.

I sindacati: Il 2018 sarà l’anno della stabilizzazione precari del Lazio

infermiera controlla referto

Precari della sanità: Nel lazio oltre mille i precari assunti. I sindacati: Andremo avanti

L’assunzione di oltre 1.000 precari nella sanità del Lazio è un primo grande risultato frutto dell’impegno di politica e parti sociali. L’obiettivo è la stabilizzazione di tutti i 3.500 professionisti, tecnici, amministrativi e ausiliari che lavorano nel sistema sanitario regionale entro il 2018.

Natale Di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini - segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio – esprimono soddisfazione per l’annuncio del Presidente della Regione Nicola Zingaretti e rilanciano: “Dobbiamo dare certezze a tutti i lavoratori precari della sanità. E serve un piano di investimento nelle professionalità di chi ogni giorno si prende cura della salute delle persone. La sfida è migliorare la qualità e i tempi dei percorsi di assistenza”.

Con la pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Lazio prosegue la strada tracciata negli ultimi mesi per  la stabilizzazione dei lavoratori precari che operano nel sistema di salute”, aggiungono i segretari di categoria di Cgil Cisl e Uil. “Abbiamo raggiunto un importante punto del cammino ma il traguardo finale rimane comunque distante. Ora è necessario proseguire di slancio attraverso la conclusione delle procedure concorsuali ancora in essere, senza dimenticare tutti i lavoratori atipici che devono essere stabilizzati.

Siamo certi che entro il 2018 sarà possibile portare a termine quanto iniziato nell’anno in corso e riprendere ad assumere nuovo personale. È in questa direzione che dobbiamo continuare a muoverci in maniera sinergica con la Regione, concludono Di Cola, Chierchia e Bernardini.

Ritorna al sommario del dossier Pubblico Impiego

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)