Nurse24.it

Procedura

Medicazione della ferita chirurgica

di Sara Di Santo

Procedure

    Precedente Successivo

Negli ultimi decenni il Professionista Infermiere si è sempre più specializzato nella cura delle lesioni cutanee e delle ferite chirurgiche, tanto da far proprie le principali Linee Guida in materia a livello mondiale. La ricerca e la pratica assistenziale hanno dato poi origine a Protocolli e Procedure standardizzati che fanno dell’Infermiere un assoluto esperto nella gestione di soluzioni di continuità di natura chirurgica o accidentale.

Una ferita chirurgica è una soluzione “di continuo” prodotta artificialmente a scopo terapeutico

ferita chirurgica

 Nel medicare una ferita chirurgica occorre fare attenzione a ridurre a zero la contaminazione batterica e a non provocare dolore e disagi all’assistito.

La guarigione di una ferita passa attraverso tre fasi: la fase infiammatoria, la fase proliferativa e la fase maturativa. A seconda di come rimargina la ferita si parla poi di chiusura per prima intenzione (ferite i cui lembi sono accostati l’uno all’altro, non presentano secrezioni e guariscono rapidamente) o per seconda intenzione (ferite i cui lembi non sono stati ben accostati tra loro a causa di una perdita di materiale spesso dovuta ad infezione; guariscono più lentamente e possono essere necessari dei drenaggi per favorirne la guarigione.)

L’infermiere responsabile dell’assistenza generale infermieristica, conosce la classificazione delle ferite chirurgiche:

  • ferita pulita: una ferita operatoria non infetta e senza segni di infiammazione non relativa ad interventi nei distretti respiratorio, alimentare, genitale, urinario. È sottoposta a chiusura di prima intenzione e, se necessario, drenata con drenaggi chiusi;
  • ferita pulita – contaminata: una ferita operatoria relativa ad interventi interessanti il tratto respiratorio, alimentare, genitale o urinario in condizioni controllate e senza contaminazioni. Gli interventi che coinvolgono le vie biliari, l’appendice, la vagina e l’oro faringe si includono in tale categoria se non occorrono evidenze di infezione e/o alterazioni macroscopiche della tecnica chirurgica;
  • ferita contaminata: ferita aperta ovvero post traumatica recente. Si inseriscono in questa categoria anche gli interventi con interruzioni delle procedure asettiche (es. massaggio cardiaco a torace aperto) o spandimento del contenuto gastroenterico, ed incisioni nel cui contesto si evidenzi un processo infiammatorio acuto non purulento.
  • ferita sporca – infetta: ferita traumatica non recente con ritenzione di tessuto devitalizzato, ferita che coinvolge infezioni clinicamente evidenti, ferita di intervento relativo a perforazioni viscerali. (Si intende che i microrganismi causali dell’infezione della ferita chirurgica fossero già presenti sul campo operatorio prima dell’intervento).

Discrezionalità dell’infermiere

Insieme alle responsabilità appena esposte, l’infermiere agisce in autonomia anche competenze discrezionali:

  • in caso di più ferite, segue l’ordine delle medicazioni da quelle più pulite a quelle sporche con ordine “testa-piedi”;
  • conosce l’importanza e garantisce la sterilità della medicazione della ferita chirurgica;
  • sa valutare il tipo di ferita in base al grado, al colore, alla quantità di essudato, alle caratteristiche dei bordi, allo stato della cute perilesionale;
  • conosce i protocolli relativi alla frequenza del cambio della medicazione;
  • sa individuare eventuali segni e sintomi d’infezione.

Ritorna al sommario del dossier Procedure

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)