Nurse24.it

Procedura

Procedura esecutiva del salasso terapeutico

di Ilaria Campagna

Procedure

    Precedente Successivo

Il salasso terapeutico è una delle più antiche pratiche mediche ancora utilizzate. Per lo più eseguita in modo improprio in passato, la salassoterapia è oggi sostenuta da numerose evidenze scientifiche, seppur limitate ad alcune condizioni patologiche come le malattie caratterizzate da sovraccarico di ferro. È importante rispettare scrupolosamente ogni fase che costituisce la procedura del salasso terapeutico, poiché ognuna influisce sul buon esito della stessa e quindi sulla sicurezza del paziente e, non ultimo, degli operatori.

Cos’è il salasso terapeutico

Il salasso terapeutico - in inglese Therapeutic Phlebotomy o Venesection - consiste nella rimozione dal circolo sanguigno di circa 350/450 ml di sangue ed è utilizzato come terapia d’elezione nelle malattie caratterizzate da sovraccarico di ferro (emocromatosi, porfiria cutanea tarda, policitemia primaria, poliglobulia secondaria a BPCO).

In queste malattie la disponibilità di ferro depositato nell’organismo è al di sopra dei 3000 milligrammi, contro i 200-1000 milligrammi degli individui sani.

Con il salasso terapeutico si rimuovono circa 200 milligrammi di ferro (1 mg di ferro ogni 2 ml di sangue) e, allo stesso tempo, si stimola l’organismo ad utilizzare il ferro depositato al suo interno per la produzione di nuovi globuli rossi.

Una volta rimossa la quantità stabilita (fase terapeutica) si passa alla fase di mantenimento, utile a prevenire un riaccumulo patologico di ferro nell’organismo.

La quantità esatta di sangue/ferro da rimuovere e la frequenza con cui effettuare il salasso terapeutico - ogni 7 giorni nei casi più severi fino a 15-30 giorni nelle forme più lievi - sono però stabilite dal medico sulla base del sesso, dell’età del soggetto e del tipo di malattia.

Senza un attento controllo medico, infatti, data la quantità di sangue e ferro prelevate, questa pratica potrebbe comportare seri rischi per la vita.

Ritorna al sommario del dossier Procedure

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)