Nurse24.it

Emergenza-Urgenza

Effetti del trasporto in elicottero sulla pressione intracranica

di Giacomo Sebastiano Canova

Extraospedaliera

    Precedente Successivo

In alcuni casi, dopo una grave lesione cerebrale è indicato il trasporto in elicottero al centro traumatologico di primo livello più vicino. Durante il trasporto, la posizione a testa in giù può contrastare le strategie di abbassamento della pressione intracranica a causa del ristagno di sangue venoso nella testa. Per esaminare questa teoria, alcuni ricercatori hanno misurato il diametro della guaina del nervo ottico durante il trasporto in elicottero in volontari sani.

Il trasporto in elicottero aumenta la pressione intracranica

Durante il trasporto in elisoccorso del paziente la posizione a testa in giù può contrastare l'abbassamento della pressione intracranica causa ristagno di sangue venoso nella testa.

La lesione cerebrale è la principale causa di morte nei giovani adulti dopo un trauma. La prognosi migliore si ottiene quando i pazienti vengono trasportati direttamente in un centro traumatologico di primo livello per ricevere una terapia di riduzione della pressione intracranica il prima possibile. Per far ciò, il paziente frequentemente viene trasportato in questi centri mediante elisoccorso, in modo tale da ridurre i tempi e il conseguente danno cerebrale secondario.

Nel setting di studio, sono stati analizzati gli effetti causati dai Dutch Lifeliners, degli elicotteri di tipo Airbus EC-135 dove, a causa del design del velivolo, i pazienti sono posizionati in posizione supina con la testa in direzione di volo. La barella dovrebbe essere utilizzata solamente in posizione piatta durante il decollo e l’atterraggio a causa dei criteri di velocità verso il basso dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea.

Il pilota sceglie una corretta procedura di atterraggio e decollo a seconda delle caratteristiche del luogo di atterraggio. Il sito di atterraggio dovrebbe essere di 25 m2 e privo di ostacoli, mentre la pendenza dovrebbe essere inferiore a 10°. A seconda del vento, gli ostacoli possono bloccare la pista di atterraggio o di decollo. L’approccio preferito è il profilo confinato, in cui il punto di atterraggio è costantemente in vista durante l’atterraggio e il decollo.

Durante il decollo, il pilota può riportare l’elicottero sul punto di atterraggio precedente in caso di emergenza, come un guasto al motore. Se un punto di atterraggio è circondato da ostacoli alti, può essere adatto un profilo verticale. Se succede qualcosa durante l’atterraggio o il decollo, il pilota può atterrare verticalmente sul posto.

"decollo

A causa dei profili di volo dell’elicottero, il paziente si trova in posizione Trendelenburg durante il decollo (-9°) e il volo (-5°). La posizione di Trendelenburg può aumentare la pressione intracranica a causa della stasi del sangue venoso nella testa. Ciò può contrastare le strategie di abbassamento della pressione intracranica avviate prima del trasporto.

Per questo motivo i ricercatori hanno ipotizzato che il posizionamento con la testa in su, alterando il poggiatesta della barella, possa prevenire aumenti della pressione intracranica a causa del profilo di volo a muso in giù dell’elicottero. Per esaminare questa teoria, hanno eseguito misurazioni ultrasoniche del diametro della guaina del nervo ottico in volontari sani durante le fasi di decollo e accelerazione in elicottero.

infermiere in elisoccorso

Gli effetti del trasporto in elicottero sulla pressione intracranica

Nello studio sono stati inclusi 3 maschi e 2 femmine e i loro parametri di base sono stati considerati normali. In tutti i volontari è stato osservato un aumento del diametro della guaina del nervo ottico durante l’accelerazione (-9°) e una diminuzione al valore basale dopo la correzione del posizionamento della barella.

Il diametro medio complessivo al basale della guaina del nervo ottico durante le misurazioni di screening in ospedale era di 5,0 ± 0,6 mm. Tale valore medio complessivo di base era 5,0 ± 0,4 mm nell’elicottero in bilico (0°) e 5,6 ± 0,5 mm durante l’inclinazione dell’elicottero (-9°).

Dopo la correzione della barella, tale media complessiva era di 5,0 ± 0,5 mm. Tali valori medi complessivi seguono il modello previsto di aumento durante l’inclinazione dell’elicottero e la normalizzazione dopo la correzione della barella.

angolo elicottero

Come si nota dalla tabella riassuntiva contenente tutte le misurazioni, il soggetto 5 ha avuto un aumento del diametro della guaina del nervo ottico durante il decollo. Questo dato differiva dagli altri e dalla misurazione del benchmark. La misurazione potrebbe essere stata eseguita durante un periodo di tosse, starnuti o respiro affannoso a causa dell’eccitazione. Dopo il test, il volontario ha ammesso di essere molto eccitato all’idea di volare in elicottero sdraiato.

Potrebbe essersi verificata una stasi venosa nella testa a causa dell’aumento della pressione intratoracica durante l’apnea. Il diametro della guaina del nervo ottico di riferimento in posizione supina in ospedale era sostanzialmente inferiore. Le misurazioni della pressione sanguigna in ospedale e durante il decollo dell’elicottero erano simili. Ignorando il valore basale misurato prima del decollo, è stata poi osservata la tendenza prevista.

Come trasportare in elicottero un traumatizzato cranico?

Poiché i risultati suggeriscono che la posizione supina durante il trasporto in elicottero contrasta le strategie di abbassamento della pressione intracranica, gli autori suggeriscono di alzare il poggiatesta della barella prima del decollo dell’elicottero o evitare direttamente il trasporto in elicottero. D’altra parte, però, si possono ugualmente discutere gli effetti negativi del trasporto su strada in ambulanza sulla pressione intracranica.

L’accelerazione, la frenata, i dossi stradali e la svolta del mezzo possono causare spostamenti di liquidi nel corpo che possono causare stasi venosa nella testa. Inoltre, il sollevamento del poggiatesta porta alla flessione delle anche o della colonna cervicale lombare, che può causare lesioni al midollo spinale.

Alla luce di ciò, alzare il poggiatesta sembra essere il migliore dei due mali per preservare il tessuto cerebrale. Tuttavia, un potenziale modo per proteggere sia il cervello che la colonna sarebbe progettare una barella dinamica che contrasti automaticamente l’inclinazione dell’elicottero durante il decollo e il volo mantenendo la colonna vertebrale il più dritta possibile. Una tavola spinale può essere un’opzione più economica, anche se il suo utilizzo su una barella con un poggiatesta rialzato introdurrà difficoltà nel fissare la tavola alla barella.

Ritorna al sommario del dossier Emergenza Urgenza

scopri i vantaggi della convenzione

Commento (0)