Nurse24.it
iscriviti a prezzo convenzionato

Emergenza-Urgenza

Gestione delle vie aeree nei traumi penetranti gravi

di Giacomo Sebastiano Canova

Extraospedaliera

    Precedente Successivo

L’intubazione tracheale preospedaliera è associata ad un aumento della mortalità nei pazienti con trauma penetrante e l’utilità della gestione avanzata delle vie aeree preospedaliera è dibattuta. L’aumento dell’incidenza di episodi di violenza giustifica una valutazione completa dell’attuale gestione delle vie aeree nei pazienti con trauma penetrante nell’ambiente preospedaliero e all’arrivo al pronto soccorso. Alla luce di ciò alcuni ricercatori svedesi hanno pubblicato i risultati del loro studio sullo Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and Emergency Medicine.

Traumi penetranti gravi: gestione delle vie aeree preospedaliera e in Ps

paziente intubato

Pubblicati sullo Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and Emergency Medicine i risultati di uno studio sulla gestione delle vie aeree nei traumi penetranti gravi.

L’intubazione tracheale preospedaliera è associata ad un aumento della mortalità nei pazienti con trauma penetrante e l’utilità della gestione avanzata delle vie aeree preospedaliera è dibattuta.

L’aumento dell’incidenza di episodi di violenza giustifica una valutazione completa dell’attuale gestione delle vie aeree nei pazienti con trauma penetrante nell’ambiente preospedaliero e all’arrivo al pronto soccorso. Alla luce di ciò alcuni ricercatori svedesi hanno pubblicato i risultati del loro studio sullo Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and Emergency Medicine.

Il trauma è una delle principali cause di mortalità e morbilità nei giovani e nei sani. Le ferite da arma da fuoco e da taglio costituiscono fino al 20% di tutti i traumi negli Stati Uniti. L’incidenza dei traumi penetranti è più bassa nell’Europa occidentale e rappresenta circa il 10% di tutti gli infortuni. L’incidenza degli omicidi e degli omicidi armati è aumentata in Svezia negli ultimi dieci anni ed è ora ben al di sopra della media europea, nonostante un calo nella maggior parte dei paesi europei.

Il ritardo o il fallimento nella messa in sicurezza delle vie aeree è una causa prevenibile di morte nei pazienti traumatizzati e la gestione di emergenza delle vie aeree è più impegnativa quando necessaria al di fuori della sala operatoria.

Di conseguenza, le intubazioni tracheali d’emergenza preospedaliere e al di fuori della sala operatoria possono essere associate a un tasso di successo inferiore e a una maggiore incidenza di complicanze rispetto all’intubazione eseguita nelle sale operatorie.

Tuttavia, l’intubazione preospedaliera può soddisfare lo standard delle intubazioni di emergenza intraospedaliere se eseguita da operatori esperti di vie aeree. Oltre ai rischi associati all’intubazione, i farmaci anestetici e la ventilazione a pressione positiva possono aumentare la mortalità nei pazienti ipovolemici.

La ventilazione a pressione positiva porta ad un aumento della pressione intratoracica, che può ridurre il ritorno venoso e successivamente la gittata cardiaca in uno stato ipovolemico. I pazienti traumatizzati sono eterogenei e la gestione ottimale delle vie aeree dipende dalle condizioni specifiche del paziente, dall’esperienza di chi la opera e da fattori ambientali.

L’intubazione nei pazienti con trauma penetrante è associata ad un aumento della mortalità, in particolare nei pazienti con shock emorragico. L’aumento dell’incidenza della violenza mortale in Svezia giustifica una valutazione completa dell’attuale gestione delle vie aeree per i pazienti con trauma penetrante nell’ambiente preospedaliero e nel pronto soccorso.

Alla luce di ciò, alcuni ricercatori hanno condotto uno studio i cui obiettivi erano quelli di presentare le caratteristiche associate all’intubazione, le sue cause di mortalità associate e di confrontare le intubazioni preospedaliere e in pronto soccorso nei pazienti con trauma penetrante in Svezia tra il 2011 e il 2019, periodo durante il quale l’incidenza della violenza armata è aumentata. I ricercatori hanno analizzato i dati del registro nazionale dei traumi in Svezia (SweTrau) e hanno ipotizzato che l’intubazione preospedaliera fosse associata ad un aumento della mortalità.

Ritorna al sommario del dossier Emergenza Urgenza

scopri i vantaggi della convenzione

Commento (0)