Nurse24.it

Emergenza-Urgenza

Danno a carico del capo, il trauma cranico

di Mauro Salvato

Emergenza Urgenza

    Precedente Successivo

Per trauma cranico si intende un danno causato da un evento fisico di tipo meccanico che coinvolge un qualsiasi distretto cranio-encefalico. Il trauma cranico, va sottolineato, non è necessariamente sinonimo di danno al cervello, ma può esitare in fratture delle ossa del cranio o in complicanze a carico di organi endocranici.

Epidemiologia del trauma cranico

Il trauma cranico rappresenta un importante problema di salute pubblica. I gruppi di età maggiormente a rischio sono i bambini fino ai 9 anni e gli ultraottantenni.

In più della metà dei casi il trauma è legato ad incidenti stradali nonostante l’obbligo di utilizzo di sistemi di protezione del capo.

Nel mondo intero si verifica un trauma cranico ogni 15 secondi e ogni 12 minuti causa la morte di una persona. In Italia vengono ricoverate, per trauma cranico, circa 250 persone ogni 100.000 abitanti con una mortalità di 17 casi per 100.000 abitanti.

Successivamente al trauma cranico si può avere una transitoria perdita di coscienza, nota come commozione cerebrale - che non è quasi mai legata a un danno anatomico dell’encefalo - causando una sospensione solo temporanea delle sue funzioni.

È caratterizzata da una fugace perdita della consapevolezza di sé e dell’ambiente esterno, lieve stato confusionale, amnesia retrograda (il soggetto non ricorda l’evento traumatico), cefalea, sonnolenza e acufeni.

Trauma cranico e sue classificazioni

In relazione all’occorrenza o meno di commozione cerebrale, i traumi cranici possono essere classificati come commotivi oppure non commotivi.

Classificazione trauma cranico Descrizione
In base alla sua entità
  • Lieve
  • Moderato
  • Grave
Trauma cranico chiuso Assenza di apertura della scatola cranica
Trauma cranico aperto Fuoriuscita di materiale cerebrale

Assistenza al paziente con trauma cranico

I passaggi sequenziali da mettere in atto per garantire la salvaguardia della salute del paziente con trauma cranico sono i seguenti:

  • Valutare lo stato di coscienza
  • Immobilizzare il rachide cervicale
  • Garantire e mantenere la pervietà delle vie aeree
  • Garantire l’attività respiratoria
  • Sostenere il circolo
  • Fermare eventuali emorragie da ferite aperte
  • Valutare lo stato neurologico

In questa valutazione gioca un ruolo fondamentale la Glasgow Coma Scale (GCS), largamente usata in tutto il mondo soprattutto in relazione al trauma cranico, che consente una rapida e precisa definizione della condizione del paziente, valutando lo stato di coscienza combinando le risposte oculari, verbali e motorie.

Trauma cranico, quando rivolgersi ad un medico o al Pronto soccorso

Considerando i traumi cranici lievi e moderati non commotivi che non presentano vomito e cefalea con soggetto sveglio e reattivo è opportuno solo tenerlo sotto controllo (anche a domicilio) per almeno 24 ore.

In caso di rauma cranico commotivo o grave, invece, è sempre consigliato un consulto medico.

Ritorna al sommario del dossier Emergenza Urgenza

NurseReporter

Commento (0)