Nurse24.it

Emergenza-Urgenza

Tactical Combat Casualty Care, approccio al militare ferito

di Redazione

Extraospedaliera

    Precedente Successivo

L’acronimo TCCC sta ad indicare il Tactical Combat Casualty Care, ovvero la medicina tattica da combattimento. Si tratta di un corso progettato per il personale sanitario che opera nelle forze armate della coalizione NATO, riconosciuto dal Comando unificato delle forze armate americane (USSOCOM).

Gestione emergenza militare, il Tactical Combat Casualty Care

Il Tactical Combat Casualty Care nacque negli anni ’90, grazie alle forze speciali americane impegnate in guerra in Iraq e Afghanistan, in cerca del miglior metodo di approccio al trauma in campo tattico.

Durante questi anni il TCCC ha dimostrato efficacia sul campo, nella diminuzione delle complicanze delle ferite insorte in battaglia, migliorando le cure date sul campo, gli strumenti e le metodologie di evacuazione dal teatro operativo. Grazie a queste novità in campo militare il tasso di mortalità dei soldati è diminuito notevolmente.

La conoscenza dei fattori che influenzano la cura delle vittime da combattimento è necessaria per la gestione dei feriti.

Il TCCC gestisce in questo ordine l’approccio al militare ferito:

  1. presa in carico durante uno scontro a fuoco (gestione di base del Care Under Fire)
  2. procedure e tecniche da utilizzare direttamente sul campo (gestione di base del Tactical Field Care)
  3. gestione dell’evacuazione (gestione di base del Tactical Evacuation Care).

Ritorna al sommario del dossier Emergenza Urgenza

Corsi ecm fad, residenziali per sanitari

Commento (0)