Nurse24.it

Emergenza-Urgenza

ECPR: nuovo acronimo per la selezione di pazienti eleggibili

di Giacomo Sebastiano Canova

Extraospedaliera

    Precedente Successivo

La rianimazione cardiopolmonare extracorporea (eCPR) è un approccio ultra-invasivo per il trattamento di pazienti altamente selezionati in arresto cardiaco refrattario. Poiché esistono solo pochi dati sui criteri di selezione ideali, si raccomanda di assegnare i pazienti con le maggiori possibilità di sopravvivenza.

Rhythm check three - A2BCDE3: nuovo acronimo per eCPR di successo

La selezione precisa dei pazienti è un fattore critico in termini di tempo e risulta essere cruciale per organizzare una eCPR di successo. Poiché i pazienti idonei sono relativamente rari, è essenziale che i sanitari li riconoscano precocemente al fine di mettere in atto tutte le procedure di preparazione e di eventuale centralizzazione.

Al fine di facilitare la memorizzazione dei criteri di inclusione e di esclusione della eCPR, è stato di recente presentato sulla rivista Resuscitation l’acronimo “Rhythm check three - A2BCDE3:

Controllo del ritmo per tre cicli (se la RCP convenzionale non ha ancora successo, pensare all'eCPR):

  1. A2
  • Age (età ≤ 70 anni)
  • Attività (segni di vita, movimento cardiaco negli ultrasuoni)
  1. Arresto cardiaco testimoniato dagli astanti (Bystander)
  2. Inizio della RCP (CPR) entro 5 minuti dall'arresto
  3. Defibrillazione indicata o riscontro di PEA veloce (≥60 BPM)
  4. E3
  • Esclusa malattia allo stadio terminale (vale anche per ordini di non rianimare e comorbilità maggiori)
  • EtCO2 ≥ 10 mmHg (1,3 kPA)
  • Tempo stimato (Estimated time) per l'eCPR (ad es. < 60 minuti)
  • Complicanze stimate (Estimated complications) come incannulamento e operazione

Questo acronimo può essere facilmente adattato a criteri di inclusione locali (es. rimozione di PEA o EtCO2, altri limiti di età o di tempo). Inoltre, con l'aggiunta di una quarta “E” possono essere coperti anche criteri ospedalieri.

Ritorna al sommario del dossier Emergenza Urgenza

scopri i vantaggi della convenzione

Commento (0)